CIANFARANI SALUTA FIUME: È STATO BELLO FARE SQUADRA – DI CARLA ROTTA

Posted on August 20, 2015


CIANFARANI SALUTA FIUME: È STATO BELLO FARE SQUADRA – di Carla Rotta

 

POLA\ aise\ – “L’Unione Italiana ha inteso accomiatarsi da Renato Cianfarani, che dopo aver ricoperto dal gennaio 2011 l’incarico di Console generale d’Italia a Fiume si appresta ad assumere a giorni lo stesso incarico a Monaco di Baviera, con la consegna di una targa ricordo. La cerimonia, su un percorso tra il protocollare e l’amichevole (ma con i piedi più spesso nel campo dell’amicizia), si è svolta ieri nella sala maggiore della Comunità degli Italiani polese”. A darne notizia è “La voce del popolo”, quotidiano che Roberto Palisca dirige a Fiume.
“”Abbiamo scelto Pola per il saluto per rubare un po’ Cianfarani a Fiume, per un po’ di equilibrio” – ha esordito Furio Radin, presidente di Unione Italiani. Ha altresì ricordato come Cianfarani abbia assunto l’incarico in un momento “difficile per ogni console”, subentrando al vulcanico Fulvio Rustico (“che ho salutato per tre volte e che regolarmente restava da noi”, ha scherzato Radin). Di Cianfarani, il presidente dell’UI ha messo in luce il grande lavoro, la creatività, la sua vicinanza alla CNI, è stato “un diplomatico con il quale abbiamo parlato in assoluta amicizia, perché in primo luogo è stato un amico. Ha fatto parte di una diplomazia scelta in un momento felice, con l’ambasciatrice Emanuela D’Alessandro e Luca Laudiero all’Ambasciata di Zagabria, con i quali abbiamo pure lavorato e collaborato all’insegna dell’amicizia, dell’affetto e della fiducia”.
Tornando a Cianfarani, che ha preferito chiamare per nome, Radin ha detto “per l’UI Renato è stato un amico fraterno e un grande supporto e certo la sua presenza e il suo impegno sono stati fondamentali.” E lo ha salutato dicendo “arrivederci; sei e rimarrai sempre uno di noi. Grazie per quanto hai fatto”.
Intervento quindi del presidente della Giunta esecutiva dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul, che ha sottolineato l’importanza del momento anche per la presenza in città di molti polesani tornati per commemorare le vittime di Vergarolla. “Con Cianfarani ho lavorato molto – ha detto – e ho apprezzato la sua capacità di ascoltare, documentarsi, discutere in maniera molto franca. Caratteristiche queste non facili da trovare negli interlocutori. Cianfarani ha capito la realtà, ha capito il suo ruolo e ha messo la nazione italiana al servizio della nostra presenza sul territorio. Mi preme ricordare nella squadra diplomatica citata in precedenza, l’ambasciatrice d\’Italia a Lubiana, Rossella Franchini Sherifis: abbiamo lavorato molto bene con tutti. In parte mi dispiace che Cianfarani abbia concluso la sua missione da noi, comunque resta un amico”.
Al console Cianfarani è stata quindi consegnata la targa ricordo e un’artistica veduta di Fiume di Mauro Stipanov. Alla signora Cianfarani un elegante bouquet.
Che cosa dice la targa? “Al Console Generale d’Italia a Fiume Renato Cianfarani grande amico della Comunità Nazionale Italiana di Croazia e Slovenia e dell’Unione Italiana, fiumano di adozione, un arrivederci affettuoso da tutti gli Italiani dell’Istria, Fiume, Quarnero e Dalmazia”.
Intervento quindi dello stesso Cianfarani, per ringraziare dell’accoglienza e di questi quattro anni e mezzo trascorsi a Fiume, “una delle sedi più costruttive e piacevoli, soprattutto grazie alla CNI, che ho imparato ad amare. Ho potuto lavorare bene per il bene della comunità e vado a Monaco con la soddisfazione di avere fatto buone cose, con l’UI e l’UPT, per gli Italiani di questi territori. Gente laboriosa, che si impegna per promuovere la lingua e la cultura, orgogliosa dell’italianità, aperta a tutte le culture. Questo è un ambiente molto caloroso e ho la soddisfazione di avere contribuito ai rapporti tra Italia e Croazia. In questo la CNI è un ponte. È bello essere oggi a Pola con chi ci vive e con quanti sono ritornati. Saluto tutte le CI, tutte ugualmente importanti. È stato bello fare squadra. Continuerò ad essere il vostro ambasciatore all’estero: meritate di essere conosciuti. Il 24 agosto assumerà l’incarico il nuovo Console generale e continuerà ad essere collaborazione”.
In chiusura Luca Laudiero, incaricato d’affari dell’Ambasciata d’Italia a Zagabria: “Cianfarani è stato un vostro grandissimo avvocato, in questi anni ci ha messo il cuore; è un grande collega, apprezzatissimo a Zagabria. Sarà difficile eguagliarlo”. (aise) 

Posted in: Uncategorized