Investimenti italiani nel turismo croato

Posted on July 30, 2015


L’acqua e le spiagge della Croazia certo son magnetiche, attirano ma si sa che gli Italiani, in vacanza, sono particolarmente esigenti. E nostalgici delle abitudini di casa loro. Oggi, però, – See more at: http://www.newsfood.com/investimenti-italiani-nel-turismo-croato/#sthash.3wdtxn4J.dpuf

 

L’acqua e le spiagge della Croazia certo son magnetiche, attirano ma si sa che gli Italiani, in vacanza, sono particolarmente esigenti. E nostalgici delle abitudini di casa loro.

Oggi, però, la distanza di per sé non esagerata da un punto di vista geografico si riduce via via dal momento che c’è una parte di Italia intraprendente, con la voglia di fare che trova in Croazia l’humus ideale per realizzare le proprie iniziative imprenditoriali.

Con la possibilità, quindi, di coniugare il bello della Croazia – che è anche quello spirito giovane che aleggia ovunque – con l’eccellenza dell’Italia.

Questo binomio, salvacondotto per vacanze senza pensieri, si trova a Fasana, in Istria, tipico centro di pescatori con evidenti retaggi della dominazione della Serenissima, che ricorda a prima vista la triestina Muggia.

Qui è approdato il gruppo veneto Biasuzzi che nel turismo ha diversificato il suo core business, quello legato all’industria estrattiva. Dapprima i Biasuzzi, ubicati nella provincia di Treviso, si sono cimentati con il mare di casa, in Veneto. Forti dell’esperienza del Villaggio San Francesco nella zona Duna Verde di Caorle, avviato negli anni Settanta, sono partiti verso l’avventura del Bi Village di Fasana (capienza di 6 mila persone al culmine dell’alta stagione) che riesce a rispondere alle esigenze di ogni tipo di clientela: dal camperista che trova piazzole ampie e ben attrezzate, agli aficionados della mobihome, a chi vuole affittare comodi e confortevoli villini in muratura, dalle superficie tra i 60 ed i 100 mq, fino ai più esigenti e sofisticati che vogliono godersi il mare, come direbbero i francesi avec les pieds dans l’eau.

A questi clienti viene proposta la soluzione delle Beach Room, grandi stanze dotate di ogni comfort, con un wi fi gratuito eccellente, la connessione con canali satellitari di tutto il mondo oltre ad un news reader sempre aggiornato, dotate di accesso diretto al mare che si raggiunge attraverso una loggia ben attrezzata e superata una muraglia di oleandri ben curati.

Colpiscono la pulizia e l’organizzazione del luogo, un’animazione ben curata e non invasiva per ogni fascia di età dei piccoli ospiti (in realtà fino ai 15 anni…), grazie alla presenza di uno staff ben nutrito, professionale e ben preparato (la maggior parte è costituita da ragazzi del luogo ma che fanno capo ad una azienda italiana leader nel settore, la Samarcanda di Varese).

Variegata l’offerta anche delle soluzioni alberghiere (con un ottimo rapporto prezzo – qualità) e delle possibilità di ristorazione che includono pizzeria, griglieria, fast food da spiaggia, ristorante self service ed un ottimo à la carte.

Per completare l’offerta per i più gourmand la struttura ospita anche una gelateria–pasticceria della catena Gustolato. Nessun franchising (per ora, verrebbe da dire…) ma un’altra realizzazione di una fusion italo–croata. Protagonista la famiglia padovana Traverso, già presente nella energia solare e nella moda, che lo scorso anno ha avviato a Cittanova, più nota come Novigrad, l’attività per la produzione di dessert italiani, cioccolato, caffè e gelati con il brand Gustolato. Per dare il là a questa attività è stata creata una società ad hoc, la Sogno Lab, che vede alla sua guida la più giovane generazione della famiglia Traverso con il 26enne Dario.

Dalla produzione alla commercializzazione in flagship store il passo è stato breve: in Croazia, compreso al BI Village di Fasana, è possibile gustare questi prodotti che alla pasticceria sopraffina italiana non hanno niente da invidiare…visto che l’ispirazione arriva da lì. Così come l’attenzione per la selezione delle materie prime di qualità. Un progetto, quello di Gustolato, che per ora non sente la nostalgia dell’aria di casa e non ha in programma un “reshoring” in Italia mentre ha già spiccato il volo verso mete ben più lontane: Budapest ed il Canada.

Franco Vergnano
Inviato speciale per Newsfood.com

 

Posted in: Uncategorized