La FederEsuli sul caso Paride Mori

Posted on March 26, 2015


Il comunicato stampa della Presidenza

 

In merito al caso sollevato da alcuni organi di stampa in questi giorni circa l’onorificenza attribuita a Paride Mori per la celebrazione del Giorno del Ricordo 2015, la Federazione degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati comunica che, prima di poter esprimere un giudizio ed intraprendere iniziative su tale vicenda, attende i risultati che emergeranno dalle risoluzioni dell’apposito ‘gruppo di lavoro’ convocato dall’Ufficio competente del Dipartimento per il Coordinamento Amministrativo della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di cui fa parte la Federazione stessa, insieme ad altre entità Istituzionali ed associative. A tale proposito, si rammenta che i complessi eventi storici e la negazione dei fondamentali diritti umani avvenuti in Venezia Giulia e Dalmazia durante e dopo il secondo conflitto mondiale, devono essere interpretati alla luce delle nuove ricerche in corso, sulla strada segnata dalla legge n. 92/2004, nonché nel clima di riappacificazione nazionale e internazionale ormai in atto sin dal simbolico crollo del Muro di Berlino. Allo stesso tempo la Federazione degli Esuli Istriani, Fiumani e Dalmati auspica vivamente, ad ogni livello della vita pubblica, mediatica e culturale, l’abbandono di una superata e inesatta lettura ideologica dei fatti storici riguardanti la tragedia delle foibe ed il dramma, taciuto per anni, dell’esodo degli istriani, fiumani e dalmati e, in definitiva, ogni strumentalizzazione ai fini politici delle vittime dell’odio e dell’intolleranza.

 

Roma, 25 marzo 2015

Posted in: Uncategorized