LA VOCE DEL POPOLO (CROAZIA)/ BIBLIOTECA DIGITALE ITALIANA ACCESSIBILE IN TUTTA L’ISTRIA

Posted on June 27, 2014


CAPODISTRIA\ aise\ – “La costituenda “Biblioteca digitale italiana in Istria” dovrebbe concretizzarsi il prossimo autunno, anche grazie al supporto dell’Unione Italiana”. Ad annunciarlo è l’edizione odierna de La Voce del Popolo, quotidiano in lingua italiana diretto da Errol Superina, che riferisce: “nell’incontro di martedì è stato sottoscritto l’Accordo di collaborazione da parte dei responsabili della Biblioteca cittadina “Srecko Vilhar” di Capodistria e della Biblioteca civica e sala di lettura di Pola, con il patrocinio dell’Unione Italiana, che s’impegna a sostenere l’arricchimento del fondo librario digitale in lingua italiana”.

““Il progetto varca i confini territoriali dei due Paesi, rappresentando un concreto esempio di collaborazione transfrontaliera ed interculturale, nel rispetto della componente minoritaria sul territorio”, ha rilevato David Runco, direttore dell’ente capodistriano.
L’idea si sviluppa sulla base del preesistente portale MLOL (http://capodistria.medialibrary.it/), dov’è inclusa la “Vilhar” con i suoi materiali digitali, ossia circa 500 titoli in lingua italiana.
L’intenzione è ampliare l’accesso gratuito alla base anche ai connazionali residenti in Croazia e per arrivare pure a scuole e altre istituzioni è stato prezioso l’apporto della Biblioteca polese.
“Per noi questo è un progetto che rappresenta il futuro”, ha esordito la direttrice di Pola, Nela Nacinovic, “il quale permetterà all’Istria di leggere secondo un sistema nuovo, avvicinandosi soprattutto ai giovani”.
L’ente polese opera anche in funzione della CNI di quell’area, gestendo un settore simile a quello italiano della biblioteca di Capodistria, situato in Calegaria, nella cui sala di lettura “Fulvio Tomizza” si è pure tenuto l’incontro di martedì. “È simbolico che ciò avvenga proprio qui”, ha dichiarato Maurizio Tremul, presidente della Giunta Esecutiva dell’UI, rilevando come l’iniziativa rifletta la persona e lo spirito del compianto scrittore di Matterada, “che in tempi difficili è stato l’icona del modello dell’Istria contemporanea ed europea”.
Per appoggiare l’inizio di questo servizio innovativo, che pur parte dalla tradizione, l’UI s’impegna a devolvere un primo contributo, finalizzato all’acquisto di nuovi titoli digitali.
Per quel che concerne l’implementazione, come illustrato da Ivan Markovic del settore italiano di Capodistria, nei prossimi mesi è prevista una specifica attività promozionale e propedeutica per formare dei responsabili del sistema in tutte le CI istriane, nonché presso scuole ed enti vari”. (aise)

Posted in: Uncategorized