El Brujo Argentin

Posted on August 1, 2012


Gavarò avudo sinque o sie ani co go visto par la prima volta mio nono Antonio. El iera tornado de poco da l’Argentina dove el gaveva lavorado par tanti ani. El stava in Siana, con mia nona, nela casa tirada su prima de partir.

El se gaveva sposado giovanissimo, tenpo de far tre fie e po el iera partido con altri paesani su una richiesta de operai, par lavorar sule ferovie e con una bona paga.

El iera alto, robusto, cavei bianchi, man grosse e nodose, do mustaci che pareva inpegoladi tanto i stava driti.

La prima volta che lo go visto go avudo un poco de tremarela. Dopo gaver basado sua fia, mia mama, e ciacolado un fiatin con ela, el se ga sentàsula bancheta soto la pergola e fin che mama preparava el cafèel me ga ciamado e fato sentar sui sui zenoci; el me ga guardàun atimo e po, con do diti che pareva do spatole, el me ga tiràpar i cavei disendo: “Cavei o cavai?”. Mi no savevo cossa dir e cossa far intanto che el continuava a tirarmeli, po, visto che squasi me metevo a frignar, el me ga dito: “Ti dovevi risponder: lassili star che i xe tacai”. Cussìgo parlado subito e la tortura xe finida. El me ga contàun poco del suo lavor in Argentina e po el me ga lassàandar parchéiera rivà el cafè Sto qua xe sta el primo incontro con mio nono che ogni tanto capitava, piùspesso co la bela stagion, raramente in inverno co iera tropo fredo e fis’ciava la bora.

In inverno el iera vestido de scuro, capel de feltro, giacheta e braghe nere, cravata grigia, gilèco la cadena de oro de l’orologio che picava fora. In estate vestito ciaro, in testa un panama, gnente cravata, gnente gilè Una volta, iera primavera e una bavisela tiepida moveva apena le foie, se gavemo sentadi soto la pergola, solito scherseto “Cavei o cavai”, po el xe diventado serio: «Te contarò’desso la mia vita in Argentina, che xe stada una vera aventura. Dopo piùde un ano de lavor insieme a tanti obreros, che saria operai argentini, gavemo percorso un longo toco de panpas e scominciado a veder la foresta del Gran Chaco e piùlontan le montagne altissime, le Ande. Come Dio vol semo rivadi ala foresta; el lavor iera diverso, bisognava taiar tante piante, livelar el teren e posar le sine. No gavevimo piùel sol che ne brusava la pele e se podeva goder un fiàde fresco. Un treno ne vegniva senpre drio par fornirne material e roba de magnar, po el tornava indrio col legname che gavevimo preparado ».

«Ogni tanto i ne lassava riposar par qualche giorno. Xe sta in una de ste pause che go voludo cavarme una curiosità andar a trovar el brujo, che saria un stregon. Altri mii conpagni de lavor che se gaveva inoltrado nela foresta par andar a trovarlo iera tornadi palesando meravilia e perplessitàpar quel incontro straordinario. Cussì una matina, con altri amici son andado a trovar sto brujo. No xe sta de far tanta strada, dopo gnanche mesa oreta semo rivadi in una radura con un picio vilagio e, in meso ale altre, una casupola piùgranda fata de tronchi, paia e coverta de foie no so se de palma o de qualche altra pianta. L’interno iera iluminado da diverse torce che fasseva ciaro, mandava fumo e un profumo strano. In meso a sta baraca el brujo stava acovaciado sora un tapedo. Bisognava far la fila e co xe rivà el mio turno son andàdrento e me son sentà in tera anca mi. La persona che me stava de fronte iera vestida ala maniera indigena, val a dir con poche strasse  indosso, ma el iera pien de colane e bracialeti che dindolava a ogni movimento, i cavei ligadi come un cocon e pieni de fiori, el viso scuro, rugoso, do oci vivi che le fissava, età indefinibile».

«Dopo gaverme guardàun fiàcon i oci che squasi me li sentivo drento nel servel el ga slongà le man posandomele sula fronte e cantando a vose alta, in una lingua strana, el ga recitado una litania girando la testa verso l’alto; tuto questo saràdurado un diese minuti, po el se ga messo la man sul peto e el ga scominciado a parlarme, in argentin sta volta, che oramai capivo bastansa ben: “Los tres circulos a la vida. El primo circulo xe la tua vita passada, ti lo conossi za, ’lora passo al secondo, el circulo che ti sta vivendo ’desso; no vedo grandi canbiamenti ti ga ancora tanto de lavorar par guadagnar e iutar muier e fie che ti ga lassado al tuo paese, forsi ti ciaparàun regalo dai tui paroni. Sta ’tento ale done, un omo san e forte come ti devi trovar un sfogo, se ti faràqualche fio ti gavaràpensieri e spese in più El terso circulo saràla veciaia. Ti tornaràa casa coi cavei bianchi e ti trovarà mujer e fioe  contente de vederte; le fie sposade bastansa ben; ti podaràriposarte dopo tanti ani de lavor e la domenica ti andaràa trovar i amici par star in conpania, ma ara che quei posti segnaràla tua fine”».

«Go ringrassiàel brujo, ghe go dado un pochi de schei e son andàfora dela baraca ’ssai pensieroso su quel che el me gaveva dito. Come el saveva che gavevo tre fie?

Come el saveva che gavaria avudo qualche fio? El gaveva anca indovinado che i paroni me gavaria premiado nominandome caposcuadra con aumento de paga. Tute ste domande me ga convinto che el brujo vedeva el futuro. Mio nono xe morto una domenica vegnindo fora de l’ostaria del Ponte dove el iera stado coi sui amici, el xe cascàin tera morto par un colpo.

La storia no xe finida qua: go mia nipote Sofia che in lulio la andaràin Argentina par un corso de studi. Me domando, e se per caso la trovassi un nipote che porta el cognome de mio nono che se ciamava Antonio Pechisaz, nato a Barbana d’Istria? Mia nona diseva senpre: «I monti sta fermi ma la gente se movi!».

Tullio Binaghi (Schio)