A Maribor opere e autori della Comunità italiana in Istria

Posted on April 28, 2012


All’interno del Mese della cultura italiana, promosso nell’ambito della manifestazione “Maribor 2012 capitale della cultura europea”, si è svolta un’altra serata di rilievo per la Comunità Nazionale Italiana, dedicata, questa volta, alla poesia. All’Istituto Italiano di Cultura di Lubiana ha tenuto scena la raccolta “Versi diversi/Drugačni verzi”, presentata dal noto poeta, traduttore e saggista sloveno Ciril Zlobec, con la partecipazione del direttore della casa editrice EDIT, Silvio Forza, e del presidente della Giunta Esecutiva del’Unione Italiana, Maurizio Tremul.

 

Il volume di poesie raccoglie liriche di 12 autori della minoranza italiana in Croazia e Slovenia e della minoranza slovena in Italia. Nel suo intervento, Zlobec ha posto l’accento sull’importanza culturale che rivestono le produzioni minoritarie, che evidenziano la loro presenza anche attraverso la letteratura. In questo caso, si tratta di due minoranze che condividono la stessa storia e gli stessi drammi di vita, che vivono l’una a fianco dell’altra. Tanti fattori in comune che danno un’ulteriore motivazione per il superamento di frontiere culturali e non. Una rosa di 24 poeti, con note bio-bibliografiche e commenti critici su ogni autore, danno vita ad un’esauriente introduzione storico-letteraria della realtà italiana in Croazia e Slovenia e di quella slovena in Italia, in una pubblicazione in forma bilingue che amplifica la portata culturale delle produzioni minoritarie, rendendole accessibili ad un pubblico più vasto.

 

L’antologia è stata pubblicata dalla casa editrice EDIT di Fiume. Il direttore dell’EDIT, Silvio Forza, ha colto l’occasione per presentare l’attività della casa editrice, le sue collane e il significato del lavoro giornalistico-editoriale che l’istituzione rappresenta per la CNI di Croazia e Slovenia, parallelamente alla tradizione della cultura italiana nell’Istria e nel Quarnero. Il fine principale dell’impegno dell’EDIT è la promozione e la valorizzazione degli autori della realtà minoritaria della regione transfrontaliera; un angolo particolare è dedicato alla letteratura dell’esodo, come pure alla produzione letteraria slovena in Italia, con collane apposite.

 

Ribadito, ancora una volta, che con la reciproca conoscenza e con un dialogo culturale basato sulla tolleranza e sulla civiltà si possono superare le barriere frontaliere e lenire i traumi del passato. Il prossimo appuntamento con la CNI a Maribor è il concerto di Folkhistria (questa sera al cinema Udarnik), con l’esibizione dei più noti musicisti folk istriani, omaggio alla realtà plurietnica della penisola istriana.

 

(fonte “La Voce del Popolo” 26 aprile 2012)