Il Piccolo 28/03/11 Il pellicano ritorna in Dalmazia

Posted on March 29, 2011


Il pellicano ritorna in Dalmazia

Era ritenuto estinto in Croazia da un secolo. La scoperta nel fiume Narenta

di Andrea Marsanich wSPALATO Gli ornitologi croati hanno fatto festa nei
giorni scorsi per la ricomparsa nel delta del fiume Narenta, in Dalmazia,
del Pellicano crespo (Pelecanus crispus), o Pellicano riccio o Pellicano
Dalmatico. Il grande volatile, che può raggiungere una lunghezza di 170
centimetri e fino a 15 chili di peso, era ritenuto estinto in Croazia da
ormai un secolo. Considerato che il pellicano era in abito riproduttivo, gli
ornitologi hanno parlato di evento eccezionale non solo per la regione della
Narenta, ma anche per la Croazia. Stando all’Istat nazionale, sono cinque le
specie di avifauna nidificante scomparse da tempo nel Paese e una di esse è
proprio il pellicano dalmatico, il più grande uccello di palude mai
registrato in Croazia. Negli ultimi 50 anni è stato avvistato un paio di
volte nella vasta zona paludosa di Kopacki rit, in Slavonia, ma si era
trattato di brevi soggiorni e nulla più. A scoprire la presenza del
pellicano nella parte terminale del fiume dalmata è stato il 20 marzo scorso
Barisa Ilic, capo della stazione ornitologica di Metkovic, facente parte
della Società ornitologica croata. Alcuni pescatori locali gli hanno fatto
sapere che il volatile è giunto nel delta tra il 16 e il 18 marzo e non se
n’è più andato. La riapparizione di questa specie di pellicano non è
casuale. Da quando in Croazia sono state decise pene drastiche per i
cacciatori di frodo, l’avifauna è tornata a ripopolarsi in modo consistente
in diverse zone del Paese. Il delta del Narenta è tornato ad essere un
paradiso per i volatili ed in questo inizio di primavera sono stati
conteggiati fino a 3 mila esemplari al giorno di numerose specie. Dominano
vari tipi di anatra, ci sono cormorani, spatole, aironi, folaghe, per tacere
dei numerosissimi gabbiani. Ridotto ai minimi termini il bracconaggio, la
vita è riesplosa ed ora la speranza degli ornitologi è che il pellicano
dalmatico torni ad essere presente in modo massiccio nella Narenta. Questa
riserva ornitologica, a causa dei bracconieri e dell’incuria, ha ceduto il
passo ad aree paludose più note e tutelate, come la Camargue in Francia, il
Donana in Spagna e parecchie lagune in Italia, Turchia e Tunisia. Tornando
agli uccelli nidificatori estinti in Croazia, oltre al pellicano crespo,
vanno citati l’ ibis calvo (nidificava nei dintorni di Pola), il
capovaccaio, l’avvoltoio monaco (era presente anche nel Quarnero e nella
Dalmazia centrale) e il fagiano di monte o gallo forcello.

Advertisements