FOIBE: PDL, MURI DI FIRENZE DETURPATI DA SCRITTE ALLARMANTI

Posted on January 20, 2011


“Sono scritte allarmanti, vergognose, oltraggiose”

 
FIRENZE – “Muri di istituti superiori deturpati da scritte infamanti; la memoria delle vittime delle foibe sporcata più che dalla vernice rossa dall’ignoranza e dall’odio. Firenze, piazza D’Azeglio e dintorni: sui muri prossimi al liceo classico Michelangelo e all’Itc Duca d’Aosta ignoti hanno vergato scritte di natura politica”.

Lo riferiscono in una nota il consigliere regionale toscano del Pdl, Tommaso Villa, e il coordinatore di Giovane Italia a Firenze, Andrea Badò, a proposito di scritte comparse su alcuni muri di Firenze. Tra le scritte una riporta la frase “Ieri partigiani oggi antifascisti, nessuna lacrima per le foibe“: è stata realizzata, spiegano i due esponenti del centrodestra, proprio a ridosso della pubblicizzazione della fiaccolata in memoria dei caduti nelle foibe in programma il 5 febbraio.

Sono scritte allarmanti, vergognose, oltraggiose – denunciano Tommaso Villa e Andrea Badò – Le istituzioni prendano una posizione netta e forte contro gli autori di gesti che non possono essere derubricati a semplice vandalismo: rappresentano esplicitamente un’offesa nei confronti di chi ha vissuto direttamente la tragica esperienza delle foibe, vedendovi morire parenti e amici”.

Per il vice coordinatore regionale del Pdl del Friuli Venezia Giulia, Sergio Dressi, ”le scritte sui muri di Firenze e’ il risultato di decenni di oblio del martirio delle foibe voluto dalle sinistre che hanno tolto ogni possibilita’ di insegnamento nelle scuole di fatti tragici che li hanno visti nefastamente protagonisti”. In particolare sono stati deturpati i muri esterni di alcuni istituti superiori di Firenze.

Pordenoneoggi 19/01/11

Advertisements
Posted in: Visti da fuori